SCIASCIA E PASOLINI: I DUE ULTIMI ERETICI

COMUNICATO STAMPA DA

Lunedì 28 novembre 2022 ore 19,00 al Théâtre des Variétés

LA DANTE MONACO PRESENTA:

"SCIASCIA E PASOLINI: I DUE ULTIMI ERETICI "

 

Sciascia e Pasolini, due Grandi Scrittori e Polemisti, a Confronto nel Principato di Monaco 

Polemisti, opinionisti, capaci di contrapporsi al pensiero unico dominante; testimoni dei cambiamenti della storia, acuti osservatori della realtà italiana. Ma soprattutto, oltre che due fra i più grandi scrittori del Novecento italiano, intellettuali in grado di vedere e prevedere l'evoluzione di un mondo nel quale attecchivano i primi semi della società odierna. 

Ben si addice, dunque, a Leonardo Sciascia e Pier Paolo Pasolini la definizione di “ultimi eretici” scelta per il titolo della conferenza di Davide Luglio e Bruno Pischedda nella serata che la Dante Alighieri di Monaco ha organizzato lunedi' 28 novembre al Théâtre des Variétés di Monaco. Un evento, con il patrocinio dell'Ambasciata d'Italia, coinciso con la ricorrenza dei 100 anni della nascita di Sciascia e Pasolini (2021-2022). 

“Cento anni sono molti - ha esordito Bruno Pischedda, docente e scrittore, rivolgendosi al pubblico di soci ed amici della Dante - eppure di Sciascia e Pasolini non si è mai smesso di parlare. Sono due figure accomunate dall'essere intellettuali non solo impegnati, ma impegnati nel confronto civilmente sempre molto acceso, incandescente con il potere. Tutti e due ci hanno lasciato un'eredità letteraria ingente e grandi polemiche e dibattiti, alcuni dei quali ancora vivi e attuali”. 

Fra questi vi sono anche quelli relativi alla tematica dell'aborto da parte di Pasolini, oppure le sue accese critiche verso la nascente società dei consumi che, come ha sottolineato Davide Luglio, Professore ordinario di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università Paris-Sorbonne (Paris IV) , si schiera contro una particolare forma di “totalitarismo”, ovvero contro “un nuovo tipo di società che standardizza tutto, omologa tutto, cancella le differenze e ci rende in qualche modo tutti uguali”. La società dei consumi e del superfluo, argomento ancora oggi di stretta attualità.

Ma perché l'utilizzo del termine eretici nel caso di queste due straordinarie personalità italiane? A dare una risposta in apertura di serata è la presidente della Dante Monaco, Grazia Soffici, leggendo un passo in cui lo stesso Sciascia afferma: “L’eresia è di per sé una grande cosa e colui che difende la propria eresia è sempre un uomo che tiene alta la dignità dell’uomo. Bisogna essere eretici, rischiare sempre di essere eretici, se no è finita”. E poi prosegue “C'è sempre nel potere che si costituisce in fanatismo la paura dell'eresia. Allora ogni uomo, ognuno di noi, per essere libero, per essere fedele alla propria dignità, deve essere eretico”.

Eresia, come ci hanno mostrato i professori Pischedda e Luglio analizzando la figura e gli scritti dei due autori, diventa dunque sinonimo di dignità, di anticonformismo. Sciascia si mostra infatti uno spirito libero. È anche speranzoso e dolente osservatore della sua terra natale, per la quale mostra un sentimento tenace. “Sai cos’è la nostra vita? La tua e la mia? Un sogno fatto in Sicilia. Forse stiamo ancora lì e stiamo sognando”, scrive l'autore nato a Racalmuto, nell'agrigentino, nel suo libro “Candido, ovvero un sogno fatto in Sicilia". 

Un modo di sentire vorace e appassionato che lo accomuna nuovamente a Pasolini. “Io divoro la mia esistenza con un appetito insaziabile”, affermava quest'ultimo. E l'affinità esistenziale, pur nelle differenze caratteriali, oltreché la capacità acuta di analisi, sottolineata anche dai testi recitati nel corso della serata da Pietro Conversano, porta Sciascia nel famoso passo de “L'Affaire Moro” (1978) a definire l'amico poeta, già tragicamente scomparso da alcuni anni, “fraterno e lontano”anche se “di una fraternità senza confidenza, schermata di pudori e, credo, di reciproche insofferenze”.

 

COMUNICATO STAMPA DA 
Lunedì 28 novembre 2022 ore 19,00 al Théâtre des Variétés - Monaco

Image

ACCREDITO STAMPA

DEMANDE D'ACCREDITATION DE PRESSE

 

Ufficio Stampa Dante Alighieri Comitato di Monaco

 

Info

 

+33 (0)6 69 27 13 14

 

 E-Mail

 

press@ladantemonaco.com

RADIO PARTNER

Radio Montecarlo